Warning: Illegal string offset 'title' in /home/progetta/public_html/ristrutturazione-torino.it/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 22

Warning: Illegal string offset 'category' in /home/progetta/public_html/ristrutturazione-torino.it/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 23

Warning: Illegal string offset 'number' in /home/progetta/public_html/ristrutturazione-torino.it/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 24
Close

ARCHITETTURA GOTICA

Architettura Gotica e le sue tecniche costruttive

Contrariamente all’architettura romanica e romana, quella gotica non è massiccia, ma estremamente agile, traforata, aerea e leggera.

Uno dei caratteri essenziali che ci permette di riconoscere, fra tante, le architetture gotiche è il loro verticalismo.

Esse sono, cioè, molto svilppate in altezza, quasi a voler toccare il cielo, suggerendo una nuova religiosità in cui il credente, non accontentandosi più di una fede senza domande, si pone problemi e cerca risposte nei testi sacri.

Sono le innovazioni tecniche quelle che, più d’ogni altro elemento formale e di distribuzione degli spazi e della destinazione. Costituiscono i caratteri dell’architettura gotica e, anzi, sono le premesse indispensabili per un corretto costruire.

Le innovazioni tecniche e le caratteristiche architettoniche che meglio individuano il Gotico sono:

  1. 01. l’arco a sesto acuto: che sostituisce quello a tutto sesto;
  2. 02. la volta a ogiva costolonàta, che costituisce la semplice volta a crociera;
  3. 03. l’arco rampànte, che sostituisce o si aggiunge al contraforte;
  4. 04. il pinnàcolo, che è elemento estetico e allo stesso tempo contribuisce alla statica degli edifici;
  5. 05. l’esiguo spessore delle mura, che, inoltre, per ampi tratti, sono sostituite da grandi vetrate colorate.

Le innovazioni, però, spesso si accompagnano a sconfitte

Infatti, furono numerose le cattedrali che ebbero problemi statici e molte crollarono durante la costruzione, ma solo dai fallimenti fu possibile capire gli errori e porvi rimedio anche in fase di ristrutturazione.

Resta emblematico il caso della cattedrale francese di Beauvais iniziata nel 1225, in cui l’altezza supera i 50 metri. Più volte crollata (1284, 1573) e mai finita, a motivo dei problemi statici che continuamente poneva.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.