Warning: Illegal string offset 'title' in /home/customer/www/ristrutturazione-torino.it/public_html/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 22

Warning: Illegal string offset 'category' in /home/customer/www/ristrutturazione-torino.it/public_html/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 23

Warning: Illegal string offset 'number' in /home/customer/www/ristrutturazione-torino.it/public_html/wp-content/plugins/apcore/widgets/zt_recent_portfolios_by_category.php on line 24
Close

ORTO 2020

ORTO URBANO

ORTO

 

Creare orti urbani sta diventando sempre più di moda anche per ridisegnare l’aspetto della città. Immagine di città che sta diventando oggetto di attenzione per Comuni e cittadini che hanno di il desiderio di incentivare la bellezza dei luoghi con idee innovative che incontrano la tradizione favorendone la sostenibilità per ricavare una vita migliore per tutti.

In Italia, dopo gli orti urbani nati nella Seconda Guerra Mondiale non seguirono altre esperienze analoghe fino ai giorni nostri, quando associazioni e gruppi di cittadini dopo il recupero e ristrutturazioni di alcuni spazi hanno iniziato a pensare agli orti urbani come mezzo per rilanciare l’agricoltura biologica e per incentivare un nuovo tipo di socialità. Queste iniziative nel 2011 si potevano vedere e si poteva partecipare solo nelle grandi città o in piccoli spazi, ma già nel 2013 una ricerca della Coldiretti segnalava che la quantità di territorio dedicato agli orti urbani era triplicata rispetto ai due anni precedenti.

ORTI IN ITALIA

I dati del 2017, tra piccoli appezzamenti e spazi di proprietà famigliare, rilevano il numero più alto in Emilia Romagna, seguita dalla Lombardia e dalla Toscana, e sempre tra i primi cinque ci sono Piemonte e Veneto. Nel centro e nel sud Italia il fenomeno è più contenuto la quantità di territorio maggiore utilizzata è delle Marche ma anche della Campania. L’interesse di Comuni e amministrazioni locali per gli orti urbani è in aumento, infatti si possono notare i numerosi bandi pubblicati per incentivare l’iniziativa, tra questi c’è Reggio Emilia e Torino. In Versilia è stato progettato un piano per realizzare nuovi orti urbani dedicati alla coltivazione di frutta biologica e verdura come attività per aiutare persone in difficoltà.

Quindi l’apporto che questi urbani forniscono all’uomo non si riduce solo alla sua componente alimentare ma anche la forma di armonia che fa liberare da stress, oltre ad un senso di realizzazione e di soddisfazione personale e collettiva.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.